Invio richiesta di un francobollo dedicato al Postcrossing

Chi frequenta i gruppi italiani di PC su facebook sa che da un po’ di tempo, ogni anno, stiamo provando a mandare al MISE la proposta di emettere un francobollo dedicato al Postcrossing, come già fatto da diversi altri paesi.

Come indicato anche sul sito di posteitaliane, per proporre l’emissione di un francobollo bisogna scrivere al Ministero dello sviluppo economico. Lo si può fare via pec (non con mail normale purtroppo) o tramite raccomandata. Le proposte per il 2022 devono arrivare entro la fine di maggio 2021

Nel primo post di risposta sotto questo messaggio inserirò il link di un modello di lettera che si potrebbe usare. Il modello è lo stesso degli anni scorsi, aggiornato con i dati attuali e con le ultime novità (come la Germania che ha finalmente annunciato un francobollo Postcrossing per il 2022), a cui è stata aggiunta una parte sul fatto che anche durante i mesi di pandemia lo scambio di cartoline ha permesso alle persone di restare in contatto e in quelche modo contiinuare a viaggiare a distanza.

Ovviamente se la richiesta viene mandata da tante persone si hanno più probabilità che questa venga almeno presa in considerazione rispetto ad una richiesta avanzata solo da una manciata di persone.

Il modo più semplice, sicuro ed economico è sicuramente mandare una pec all’indirizzo gabinetto@pec.mise.gov.it
Farlo non costa niente e ci vogliono solo pochi minuti di tempo, per cui invito davvero tutti quelli che dispongono di una posta elettronica certificata a farlo, anche se pensate che le possibilità di riuscita della proposta siano pochissime.

L’alternativa per chi non ha la pec è mandare una raccomandata, perchè con buona probabilità una lettera mandata come posta standard sarà cestinata senza essere presa in considerazione.
La raccomandata va mandata a
Al Ministro dello Sviluppo Economico
Ufficio di Gabinetto
Via Molise, 2
00186 ROMA

Se non avete la pec, e non volete spendere il costo di una raccomandata, la mia idea è quella di aggiungere il vostro nome in fondo alla pec che manderò io, per fare vedere che le persone interessate a questa emissione sarebbero tante.

Prego tutti gli interessati di rispondere sotto questo post, per avere un’idea di quanti saremo a mandare la richiesta, e fatemi sapere se volete che aggiunga il vostro nome alla mia pec.

6 Likes

Ecco l’esempio di lettera per il MISE

In realtà potete scrivere nel modo che preferite la richiesta, ma io metterei in evidenza tre punti particolari:

  • diversi altri paesi hanno già emesso dei francobolli simili (è quindi un tema sentito a livello internazionale)

  • si tratta di un " tematica sociale o culturale rivolte al futuro" (si tratta di una delle tematiche possibili per i nuovi francobolli)

  • anche durante la pandemia il Postcrossing non si è fermato ma ha continuato adunire le persone

2 Likes

Questi invece sono i post del blog ufficiale di postcrossing dedicati alle varie emissioni passate degli altri paesi
https://www.postcrossing.com/blog/tag/postcrossing-stamp?fbclid=IwAR1d0oSM5AqqNnasqwjQnYmivRDZlPjgteg9u_j5xdgpPC-W4fdMTGifMsg

2 Likes

A me piacerebbe aggiungere il mio nome, dato che non ho la pec. Grazie dell’iniziativa!

2 Likes

Anche io posso aggiungere il mio nome ,visto che non posso fare niente altro :raising_hand_woman:

2 Likes

Ciao Irene
Si se ti va puoi aggiungere anche il mio nome :hugs:
Grazie .

1 Like

ciao irene :grinning: non ho la pec, per cui aggiungi pure il mio nome alla lista, grazie :grinning: ciao

1 Like

@stefbot75 @Alyonushka-SPb @giorgina80 @Robbie

Certo, aggiungere il vostro nome alla pec! Per favre mandatemi un messaggio privato con il nome completo che volete sia inserito.
Penso di mandare la pec questo mercoledì

2 Likes

Ciao, non vorrei deludere le vostre aspettative ma conoscendo i criteri con i quali vengono scelti i temi dei francobolli ho l’impressione che con questa procedura i nostri pro nipoti festeggeranno il loro primo francobollo di Postcrossing. La mia città per anni ha cercato di avere un francobollo per la turistica e non ci è mai riuscita. Le vie più semplici sono tre: L’appoggio politico, un ministro molto interessato darebbe l’ideale. Ma non credo che qualcuno di noi possa portarne uno alla causa. I soldi una famosa ditta di provoloni della mia provincia è riuscita laddove la città ha fallito. Anche qui mi sa che Postcrossing non sia in grado. La terza è quella a mio parere più semplice: agganciarsi a qualcuno che i francobolli dedicati li ha già. Tutti gli anni c’è un’emissione dedicata alla giornata della filatelia collegata ad una manifestazione filatelica. Se un rappresentate del mondo Postcrossing si mette in contatto per realizzare una mostra comune durante questa manifestazione con iniziative di vario tipo è possibile che uno dei francobolli venga dedicato a Postcrossing, con relativo annullo. Consiglio di contattare qua: http://www.fsfi.it/
Ovviamente bisogna andare organizzati, come associazione o gruppo non singolarmente e unire più persone con un ventaglio di iniziative comuni, anche al di fuori della manifestazione stessa. Servirà quindi del tempo per l’organizzazione, delle persone disponibili a darsi da fare gratis e dei fondi.
Comunque provare la via del sito di poste non costa nulla e sarei felice di essere smentito.

sappiamo che è una via impervia - anche se l’unica ufficiale - e con scarse probabilità di riuscita nel breve/medio periodo
al momento con la scusa del covid non possiamo fare altrimenti

in ogni caso, io e altri come referenti di Postcrossing per l’Italia abbiamo parlato con alcuni vertici della filatelia durante il Tavolo dei Postali di Prato a ottobre 2019 ( cfr qui http://www.issp.po.it/tavolo-dei-postali/ ) e abbiamo notato come non fossero particolarmente inclini ad accontentarci nell’immediato, come era naturale che fosse

direi di non perdere l’entusiasmo e lo spirito di iniziativa, sono certa che anche se fosse tra 15 anni sarebbe un risultato importante per tutti noi

qualunque idea è bene accetta e vi ringraziamo - intanto - per la partecipazione all’idea della pec comunitaria :slight_smile:

1 Like

Intanto si potrebbe iniziare con un annullo speciale, è a pagamento per chi lo richiede ma è gratuito per le associazioni filateliche che organizzano dei convegni… si potrebbe (non quest’anno) partire da qui.